La clorofilla

La clorofilla è un pigmento isolato nel 1817 da Joseph Bienaimè Caventou. Di colore verde,è presente nei grani dei cloroplasti delle cellule vegetali, o negli organismi procarioti che realizzano la fotosintesi clorofilliana.La struttura della molecola è caratterizzata dalla presenza di un eterociclo porfirinico , al centro del è coordinato uno ione Mg.

La clorofilla è vitale per la fotosintesi, che permette alle piante di ottenere energia dalla luce.Le molecole di clorofilla sono specificamente posizionate e circondate da complessi proteici chiamati fotosistemi  che sono racchiusi nei tilacoidi dei cloroplasti. In questi complessi, la clorofilla serve a due funzioni principali. La funzione della gran parte della clorofilla è di assorbire la luce e trasferire l’energia ad una coppia specifica di clorofilla nel centro di reazioni del fotosistema. A causa della  selettività della clorofilla rispetto alla lunghezza d’onda assorbita,le aree della foglia contenuti la molecola appariranno verdi.     La fotosintesi clorofilliana avviene per tappe riunibili in due fasi:

  • fase luminosa;
  • fase di fissazione del carbonio;                                                                                       Il processo fotosintetico  si svolge all’interno dei cloroplasti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>